->

Bonus Internet Partita IVA 2022

bonus Internet partita IVA 2022 si rivolge alle imprese, e  titolari di partita Iva iscritti al registro delle imprese, che intendono rinnovarsi nelle infrastrutture digitali.

La digitalizzazione prevede l’installazione di connessioni fino a 1 Gbit/s ad oggi sono diversi gli operatori di telefonia che hanno aderito all’iniziativa.

Dalle prime indiscrezioni si hanno a disposizione 24 mesi per inviare la richiesta del bonus per  ottenere i fondi.

Bonus Internet Partita IVA, tutte le novità

Siamo ancora nella fase iniziale e le domande di avvio sono in stand by.

Il Mise, ha già firmato il contratto con Infratel Italia, che si occuperà della parte operatività dell’emissione dei voucher.

Al momento non è presente ancora la piattaforma per poter presentare le domande.

La pubblicazione della piattaforma avverrà in tempi rapidi e, solo nel momento in cui sarà on line, sarà possibile  calcolare la data di scadenza per l’invio delle domande.

Al momento, il bonus Pc e Internet 2022 per privati è stato bloccato ed i 93 milioni di euro non assegnati andranno a sommarsi ai 609 milioni di euro stanziati per far fronte alle necessità di digitalizzazione delle imprese

Bonus Internet 2022 come funziona

Si tratta di un voucher che va da un minimo 300 euro ed  massimo che può raggiungere anche i 2.500 euro.

La priorità della digitalizzazione fino ad ora è andata alle famiglie, oggi si pensa alle imprese, per rinnovarle e mantene la competitività sul mercato.

Chi può aderire al Bonus Internet

Dal momento in cui il governo ha annunciato i fondi per il bonus Pc per famiglie sono numerosi gli operatori di telefonia che hanno aderito all’iniziativa.

In particolar modo ricordiamo:

  • VODAFONE
  • FASTWEB
  • TELECOM ITALIA SPA
  • TISCALI ITALIA S.P.A
  • WIND TRE S.P.A.

A oggi potrebbero essere gli stessi operatori ad offrire la possibilità alle imprese di usufruire del bonus Internet 2022.

Piccole e medie imprese , tramite uno degli operatori di telefonia che ha aderito, possono stipulare un contratto che abbia una durata di almeno 18 mesi.

L’obiettivo è accelerare la crescita delle piccole imprese per ridurre il digital divide il divario che ci disconta dagli altri paesi europei

Senza adeguati strumenti digitali, ogni attività produttiva perde delle opportunità lavorative nonché competitività.

Il contributo governativo previsto dal bonus Internet per le imprese non prevede solo l’erogazione del voucher per la connettività.

Infatti è prevista anche una fase di formazione, con iniziative di comunicazione volte a insegnare agli addetti ai lavori il corretto utilizzo delle nuove risorse a disposizione.

Come richiedere bonus Internet

Le imprese che rispondono ai requisiti possono procedere con la richiesta del voucher a loro spettante.

Per ottenere il massimo previsto dal benefit, ovvero la somma di 2.500 euro, il contratto da stipulare deve prevedere in maniera obbligata il passaggio a connessioni a 1 Gbit/s.

Per accedere invece al bonus  è sufficiente invece un incremento della velocità di connessione, da 30 Mbit/s (il bonus allora oscilla tra 300 euro e un massimo di 2 mila).

Formalmente ci sono 24 mesi a disposizione per richiedere il bonus ma è pur vero che il budget delle risorse è fissato a monte, quindi è preferibile prenotarsi in anticipo per non perdere l’assegnazione degli incentivi in base alla disponibilità.

Dove richiedere bonus Internet e pc

Per quanto concerne invece il bonus Internet 2022, sono le imprese a poter beneficiare dell’agevolazione, pertanto a loro spetta inoltrare la domanda attraverso punti vendita abilitati alla gestione della clientela business.

 

×